Massimo
20 lug 2017

CIVILTÀ PERSIANA: L'INVENZIONE DELLA MONETA

0 commenti

Modificato il: 20 lug 2017

 

 

La comparsa della moneta è legata alla necessità di semplificare gli scambi. Fino ad allora i mercanti avevano usato per le transazioni commerciali più importanti l'argento e rame, lo stagno per quelle minori. Il metallo veniva fuso in lingotti di varie forme e il pagamento effettuato in virtù di tabelle di comparazione elaborate dai sovrani. La moneta consentiva di avere a disposizione un oggetto riconosciuto, che materializzava il valore delle merci, facilmente trasportabile e divisibile in unità minori.

Prima che lo Stato assumesse diritto di battere moneta, anche un privato cittadino poteva coniare di proprie, il che costringeva i mercanti a viaggiare con una bilancia per pesare i metalli. La fase della pesatura fu resa superflua quando lo Stato assunse il monopolio della produzione della moneta, con l'apposizione su uguale monete di un'impronta che ne garantiva il peso. Il luogo da cui si diffuse l'utilizzo della moneta fu il regno di Lidia, in Anatolia. I materiali usati per il conio erano vari, ma loro, l'argento, il bronzo e il rame erano i più diffusi perché più malleabili e più duraturi nel tempo: la scelta dell'uno o dell'altro dipendeva dal costo e dalla sua reperibilità sul mercato. Le zecche, cioè i luoghi di conio delle monete, erano collegate ai templi, la loro organizzazione variava a seconda dell'importanza del tempio e dello Stato committente: comprendeva in ogni caso impiegati addetti all'amministrazione e al cambio e un tesoriere con compiti di sovrintendente. La tecnica più utilizzata per fabbricare le monete era la coniazione, ma era possibile adoperare anche, per le monete più grosse e pesanti, la fusione, che comportava l'utilizzo di matrici a due facce intera coda, che recavano impressi in negativo i tipi (la parte figurativa della moneta) e le legende (la parte epigrafica).

 

I post più recenti
  • Massimo
    23 set 2018
  • Massimo
    21 set 2018

    La smaltatura o “minakari”, conosciuta anche come “miniatura a fuoco” è uno degli elementi essenziali dell’artigianato iraniano. La smaltatura comprende la pittura, la colorazione e la decorazione della superficie del metallo e della ceramica tramite la fusione di colori brillanti decorati secondo motivi e disegni dal design raffinato. Il termine “mina” è la forma femminile della parola persiana minou che significa cielo. “Mina” fa riferimento al colore azzurro del cielo. L’artigianato del minakari trae la sua origine dall’epoca sassanide, in cui è stato inizialmente concepito e praticato dagli artigiani iraniani prima che si diffondesse da qui attraverso i Mongoli fino all’India. Ciononostante, la pratica di questo artigianato non è attestata durante il periodo islamico prima del regno del settimo sovrano mongolo, Ghazan Khan. Quest’ultimo aveva delle solide conoscenze chimiche di cui si era servito soprattutto nell’ambito della smaltatura, contribuendo a rilanciarne l’utilizzo. Qualche secolo più tardi, il turista francese Jean Chardin, dopo aver visitato il regno Safavide, nel suo diario di viaggio fa riferimento a un’opera d’arte smaltata che comprendeva dei motivi con uccelli e animali su sfondo floreale color blu chiaro, verde, giallo e rosso.
  • Massimo
    10 ago 2018

Cardamomo Persian Palace     

Ristorante Persiano - Sale da Té
Persian Restaurant - Tea House

Prenotazione sale per eventi, mostre,

cerimonie, presentazioni, etc.

LECCO

 

Piazza XX Settembre 45

23900 Lecco (Italy)

Tel. 0341 1944666

da Domenica a Giovedì

12.00 - 22.00

Venerdì e Sabato

12.00 - 23.00

COMOCOMO

Via Vitani 35

22100 Como (Italy)

Tel. 031 4893517 

da Martedì a Venerdì

15.30 - 22.30

Sabato e Domenica

12.00 - 22.30

Lunedì chiuso

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now