Massimo
18 lug 2017

CIVILTÀ PERSIANA: BACKGAMMON

0 commenti

Modificato il: 23 lug 2017

 

 

Si racconta che l’inventore del gioco del Backgammon fu il Re di Persia Ardashir Babakan, circa 5.000 anni fa.

In origine il backgammon non era un gioco d’azzardo, anzi.

Veniva utilizzato con un significato mistico, infatti gli antichi astrologi predicevano il futuro dei regnanti persiani.

Alcune curiosità:

Nell’astrologia persiana la superficie della tavola del Backgammon rappresentava il cielo;

il movimento circolare delle pedine ricordava il movimento delle stelle nel cielo;

le dodici punte per le pedine sulle due tavole rappresentavano i dodici mesi dell’anno;

le trenta pedine per giocare a backgammon corrispondevano ai trenta giorni del mese;

la somma dei punti delle facce dei dadi (sette) era pari al numero dei pianeti conosciuti nell’antica Persia.

Il Backgammon si diffuse presto verso occidente, e nei vari paesi dell’Europa diventò molto popolare, in ogni luogo prendeva un nome diverso: tric trac in Italia, tablero in Spagna.

Venne vietato dalla chiesa quando prese la connotazione di gioco d’azzardo, perdendo così il significato più filosofico e astrale delle sue origini.

La variante moderna del gioco la si deve all’Inglese Edmond Hoyle che nel 1743 riformulò le regole del gioco, nella versione che noi oggi conosciamo.

 

 

I post più recenti
  • Massimo
    23 set 2018
  • Massimo
    21 set 2018

    La smaltatura o “minakari”, conosciuta anche come “miniatura a fuoco” è uno degli elementi essenziali dell’artigianato iraniano. La smaltatura comprende la pittura, la colorazione e la decorazione della superficie del metallo e della ceramica tramite la fusione di colori brillanti decorati secondo motivi e disegni dal design raffinato. Il termine “mina” è la forma femminile della parola persiana minou che significa cielo. “Mina” fa riferimento al colore azzurro del cielo. L’artigianato del minakari trae la sua origine dall’epoca sassanide, in cui è stato inizialmente concepito e praticato dagli artigiani iraniani prima che si diffondesse da qui attraverso i Mongoli fino all’India. Ciononostante, la pratica di questo artigianato non è attestata durante il periodo islamico prima del regno del settimo sovrano mongolo, Ghazan Khan. Quest’ultimo aveva delle solide conoscenze chimiche di cui si era servito soprattutto nell’ambito della smaltatura, contribuendo a rilanciarne l’utilizzo. Qualche secolo più tardi, il turista francese Jean Chardin, dopo aver visitato il regno Safavide, nel suo diario di viaggio fa riferimento a un’opera d’arte smaltata che comprendeva dei motivi con uccelli e animali su sfondo floreale color blu chiaro, verde, giallo e rosso.
  • Massimo
    10 ago 2018

Cardamomo Persian Palace     

Ristorante Persiano - Sale da Té
Persian Restaurant - Tea House

Prenotazione sale per eventi, mostre,

cerimonie, presentazioni, etc.

LECCO

 

Piazza XX Settembre 45

23900 Lecco (Italy)

Tel. 0341 1944666

da Domenica a Giovedì

12.00 - 22.00

Venerdì e Sabato

12.00 - 23.00

COMOCOMO

Via Vitani 35

22100 Como (Italy)

Tel. 031 4893517 

da Martedì a Venerdì

15.30 - 22.30

Sabato e Domenica

12.00 - 22.30

Lunedì chiuso

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now