Massimo
13 ago 2017

Civiltà Persiana: La Cupola

0 commenti

 

La cupola è stata vitale per lo sviluppo dei grandi e affascinanti risultati architettonici della Persia, come per quelli della architettura mondiale nella storia.

Nelle sue varie forme la volta è stata senza dubbio l’elemento più importante nelle costruzioni Persiane. La sua adozione in larga scala si era resa necessaria dalla mancanza di legno sufficiente a proseguire l’abitudine achemenide antica delle costruzioni con architrave.

Le costruzioni a volta erano in realtà già in uso dai tempi antichi.  Le volte dell’entrata a Choga Zambil, un antico ziqqurat mesopotamico in terra iraniana, datano del 1200 A.C.

Tra i tre principali tipi di volta, tutti derivati dal singolo componente elementare (l’arco), la volta emisferica, comunemente chiamata cupola, è quella più complessa ed è stata sviluppata in innumerevoli variazioni.

Nella cupola il problema principale è come gestire la transizione dal piano quadrato sotto a quello circolare sopra. Per secoli questo problema aveva confuso i competenti ingegneri Romani, i quali fallirono nel fornire soluzioni attraenti e rassicuranti, mentre gli ingegneri e muratori Persian realizzarono una terza sezione, una zona di transizione tra la camera quadrata sotto e la cupola rotonda sopra, costruendo un arco intorno ad ogni angolo e riducendo il quadrato ad un ottagono con un ulteriore anello di piccoli pannelli arcati per ridurre gli otto lati a sedici, più vicino così ad un cerchio.

La cupola assunse poi in Persia nei secoli diverse forme: rotonda, ovoidale, parabolica, bulboso su base cilindrica, a forma di cipolla, a disco, alta su struttura circolare o ottagonale.

 

 

I post più recenti
  • Massimo
    23 set 2018
  • Massimo
    21 set 2018

    La smaltatura o “minakari”, conosciuta anche come “miniatura a fuoco” è uno degli elementi essenziali dell’artigianato iraniano. La smaltatura comprende la pittura, la colorazione e la decorazione della superficie del metallo e della ceramica tramite la fusione di colori brillanti decorati secondo motivi e disegni dal design raffinato. Il termine “mina” è la forma femminile della parola persiana minou che significa cielo. “Mina” fa riferimento al colore azzurro del cielo. L’artigianato del minakari trae la sua origine dall’epoca sassanide, in cui è stato inizialmente concepito e praticato dagli artigiani iraniani prima che si diffondesse da qui attraverso i Mongoli fino all’India. Ciononostante, la pratica di questo artigianato non è attestata durante il periodo islamico prima del regno del settimo sovrano mongolo, Ghazan Khan. Quest’ultimo aveva delle solide conoscenze chimiche di cui si era servito soprattutto nell’ambito della smaltatura, contribuendo a rilanciarne l’utilizzo. Qualche secolo più tardi, il turista francese Jean Chardin, dopo aver visitato il regno Safavide, nel suo diario di viaggio fa riferimento a un’opera d’arte smaltata che comprendeva dei motivi con uccelli e animali su sfondo floreale color blu chiaro, verde, giallo e rosso.
  • Massimo
    10 ago 2018

Cardamomo Persian Palace     

Ristorante Persiano - Sale da Té
Persian Restaurant - Tea House

Prenotazione sale per eventi, mostre,

cerimonie, presentazioni, etc.

LECCO

 

Piazza XX Settembre 45

23900 Lecco (Italy)

Tel. 0341 1944666

da Domenica a Giovedì

12.00 - 22.00

Venerdì e Sabato

12.00 - 23.00

COMOCOMO

Via Vitani 35

22100 Como (Italy)

Tel. 031 4893517 

da Martedì a Venerdì

15.30 - 22.30

Sabato e Domenica

12.00 - 22.30

Lunedì chiuso

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now